Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Intensi scontri sono in corso stamani tra miliziani qaedisti e forze governative irachene sostenute da milizie locali sciite nel nord-ovest dell'Iraq, nei pressi della cittadina di Tellafar, mista sunno-sciita. Lo riferiscono i media panarabi, secondo i quali i miliziani dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis) sono sostenuti da leader tribali locali, mentre le truppe del governo di Nuri al Maliki ricevono l'appoggio di miliziani sciiti. Tellafar si trova a ovest di Mosul, seconda città del Paese caduta in mano all'Isis il 10 giugno scorso.

La posizione di Tellafar è strategica perché si trova lungo la strada tra Mosul e il confine con la Siria, da cui provengono in parte i rifornimenti per l'Isis. Media governativi assicurano che la controffensiva di Baghdad è riuscita, mentre fonti vicine ai miliziani sunniti affermano che Tellafar "è caduta". È impossibile verificare le informazioni sul terreno in maniera indipendente.

SDA-ATS