Navigation

Irlanda: exit poll danno il Sinn Fein in corsa per primo partito

Secondo gli exit poll delle elezioni anticipate di ieri in Irlanda, la sinistra nazionalista del Sinn Feindi Mary Lou McDonald (foto) è per la prima volta in corsa per il traguardo di primo partito, KEYSTONE/AP/Niall Carson sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2020 - 09:28
(Keystone-ATS)

Secondo gli exit poll delle elezioni anticipate di ieri in Irlanda, la sinistra nazionalista del Sinn Fein, paladina dei sogni di riunificazione con l'Ulster, è per la prima volta in corsa per il traguardo di primo partito della Repubblica da un secolo.

E quindi, anche se la maggioranza assoluta resta fuori portata e non potrà andare al governo, il Sinn Fein appare in grado di condizionare l'agenda futura del Paese

Lo scrutinio inizia oggi e si concluderà domani, ma gli exit diffusi dalla TV pubblica RTE indicano un testa a testa all'ultima scheda. Con il Sinn Fein di Mary Lou McDonald che avanza al 22,3%. E i due partitoni filo-Ue di centro-destra che da sempre si contendono il potere nell'isola - il Fine Gael del premier uscente Leo Varadkar (Ppe) e il Fianna Fail di Micheal Martin (liberali) - rispettivamente al 22,4 e al 22,2%.

Dato il margine di errore, si tratta di una parità virtuale che i risultati reali potrebbero far oscillare. Mentre resta da decidere l'assegnazione dei seggi secondo un complicato sistema proporzionale trasferibile (con indicazione delle seconde e terze preferenze) destinato alla fine a lasciare comunque spazio a una coalizione fra Fianna Fail e Fine Gael (che in campagna elettorale hanno escluso accordi col partito della McDonald) o un governo retto dalla stampella di gruppi minori come i Verdi e i Laburisti.

Ma il Sinn Fein (in gaelico Noi Stessi), pur avendo presentato solo 42 candidati a fronte degli 80 seggi necessari per la maggioranza assoluta, resta il vincitore morale: la risposta di una parte non piccola d'irlandesi sia alla sfida della Brexit, sia soprattutto ai problemi sociali.

Un partito la cui ascesa rompe un tabù sull'isola verde, quello dei vecchi legami con la disciolta Ira e la lotta armata durante la sanguinosa stagione dei 'troubles', a oltre 20 anni dall'accordo di pace del Venerdì Santo. E mette quanto meno sul tavolo del confronto una piattaforma radicale che invoca un referendum sulla riunificazione entro 5 anni, problematico e ad alto rischio di conflitto, ma meno aleatorio del passato sullo sfondo dei potenziali effetti sull'Irlanda del Nord del divorzio del Regno Unito dall'Ue; nonché un programma economico e sui diritti civili di sinistra-sinistra, ispirato agli spagnoli di Podemos o a Jeremy Corbyn su dossier quali la spesa pubblica, la sanità, l'edilizia popolare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.