Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo la visita a sorpresa in Afghanistan, il nuovo numero uno del Pentagono, Ashton Carter, è giunto in Kuwait dove lo attente un briefing con i responsabili delle forze armate americane impegnati nella lotta all'autoproclamato Stato islamico (IS).

L'incontro serve a fare il punto della situazione delle operazioni della coalizione anti-IS, anche in vista della prevista offensiva di primavera per riconquistare Mosul, la seconda città dell'Iraq.

Oltre ai generali Usa che dirigono le operazioni contro l'IS Carter ha incontrato anche i leader delle forze armate del Kuwait oltre ai rappresentanti dello stato arabo.

Sono settimane che il Pentagono e le agenzie di intelligence americane studiano ogni dettaglio dell'offensiva per riprendere Mosul, pianificata per i primi di aprile. Anche se ancora non è stata fissata una data: "Quello che conta non sono i tempi, ma intervenire al momento giusto e ottenere un successo", aveva detto nelle scorse ore Carter. Che sta cercando di capire anche se alla fine si renderà necessario anche l'impiego di truppe americane.

L'operazione per riprendere Mosul - come scrive il New York Times (Nyt) - sarà un test fondamentale per la strategia dell'amministrazione Obama volta a fermare l'avanzata dei jihadisti. Al momento - secondo i calcoli del Pentagono - si prevede che per riconquistare una città che conta oltre un milione di abitanti serviranno dai 20 mila ai 25 mila soldati - tra iracheni e curdi - per una battaglia che si preannuncia isolato per isolato. E con i militanti dello stato islamico - dai mille ai duemila a Mosul - pronti a rispondere alla controffensiva con tutti i mezzi. Anche imbottendo di esplosivi - spiegano fonti dell'amministrazione e dell'intelligence Usa - strade ed edifici.

C'è poi un'altra incognita. Non è chiaro infatti - scrive sempre il Nyt - se gli uomini del califfo difenderanno fino alla morte Mosul o se invece abbandoneranno la città tentando magari di impossessarsi di altri centri in Iraq.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS