Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo la visita a sorpresa in Afghanistan, il nuovo numero uno del Pentagono, Ashton Carter, è giunto in Kuwait dove lo attente un briefing con i responsabili delle forze armate americane impegnati nella lotta all'autoproclamato Stato islamico (IS).

L'incontro serve a fare il punto della situazione delle operazioni della coalizione anti-IS, anche in vista della prevista offensiva di primavera per riconquistare Mosul, la seconda città dell'Iraq.

Oltre ai generali Usa che dirigono le operazioni contro l'IS Carter ha incontrato anche i leader delle forze armate del Kuwait oltre ai rappresentanti dello stato arabo.

Sono settimane che il Pentagono e le agenzie di intelligence americane studiano ogni dettaglio dell'offensiva per riprendere Mosul, pianificata per i primi di aprile. Anche se ancora non è stata fissata una data: "Quello che conta non sono i tempi, ma intervenire al momento giusto e ottenere un successo", aveva detto nelle scorse ore Carter. Che sta cercando di capire anche se alla fine si renderà necessario anche l'impiego di truppe americane.

L'operazione per riprendere Mosul - come scrive il New York Times (Nyt) - sarà un test fondamentale per la strategia dell'amministrazione Obama volta a fermare l'avanzata dei jihadisti. Al momento - secondo i calcoli del Pentagono - si prevede che per riconquistare una città che conta oltre un milione di abitanti serviranno dai 20 mila ai 25 mila soldati - tra iracheni e curdi - per una battaglia che si preannuncia isolato per isolato. E con i militanti dello stato islamico - dai mille ai duemila a Mosul - pronti a rispondere alla controffensiva con tutti i mezzi. Anche imbottendo di esplosivi - spiegano fonti dell'amministrazione e dell'intelligence Usa - strade ed edifici.

C'è poi un'altra incognita. Non è chiaro infatti - scrive sempre il Nyt - se gli uomini del califfo difenderanno fino alla morte Mosul o se invece abbandoneranno la città tentando magari di impossessarsi di altri centri in Iraq.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS