Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un numero imprecisato di civili siriani è stato catturato da jihadisti del gruppo terroristico Stato islamico (IS) nella Siria centrale dopo un massacro condotto il 31 marzo scorso e nel quale sono morti circa 50 civili.

Lo riferiscono all'agenzia di stampa italiana Ansa fonti locali di Mabuja, il villaggio preso d'assalto dall'IS.

Interpellati a Beirut, dove hanno trovato rifugio, alcuni superstiti dell'uccisione di massa hanno riferito di almeno dieci civili, tra cui sette donne, rapiti dai jihadisti. Queste fonti hanno identificato con nome e cognome le persone rapite. Altre fonti locali parlano di una trentina di civili portati via con la forza dall'IS. L'Osservatorio per i diritti umani (Ondus) riferisce di una cinquantina di rapiti, senza però fornire le generalità delle persone catturate.

Mabuja, a est di Hama capoluogo nella Siria centrale, è abitato in prevalenza da ismailiti, membri di una branca dello sciismo considerata "eretica" dallo Stato islamico. Mabuja si trova a circa 20 chilometri da Salamiya, la cosiddetta capitale degli ismailiti in Siria. Tra i rapiti e gli uccisi, affermano le fonti, ci sono anche numerosi sunniti della regione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS