Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli account twitter di 54'000 persone sono stati piratati e messi a disposizione della rete, insieme con presunti numeri di cellulare dei capi della Cia, dell'Fbi e di altre agenzie Usa.

L'azione è una ritorsione per l'uccisione mirata di due jihadisti britannici ordinata dal governo Cameron e compiuta ad agosto con un drone. Lo scrive il Mail on Sunday, sottolineando che l'incursione informatica risulta essere stata realizzata una settimana fa dal cosiddetto 'Cyber Califfato'.

Il "Cyber Califfato" è una rete di hacker creata da Jumaid Hussain, simpatizzante dell'Isis originario di Birmingham che è stato uno dei due militanti assassinati nel raid di agosto.

L'episodio sta suscitando crescenti preoccupazioni fra i servizi di sicurezza, secondo il tabloid britannico, perché segna "un'escalation nella cyber-guerra". Gli account Twitter piratati sono in maggioranza di utenti sauditi, ma si teme siano stati coinvolti pure cittadini britannici. In rete sono state messe anche le password per potervi accedere, con l'invito a utilizzarli poi per diffondere messaggi a favore dell'Isis.

Il Cyber Califfato ha fra l'altro rivendicato nel gennaio scorso un'incursione nell'account Twitter del Pentagono.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS