Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un medico di 33 anni è stato arrestato oggi a Berlino perché sospettato di aver reclutato un giovane di 24 anni che nel maggio 2015 realizzò un attentato suicida per conto dell'Isis nell'Iraq del nord. Lo ha reso noto la polizia.

L'accusa nei suoi confronti è di complicità nella preparazione dell'attentato. Forze speciali della polizia criminale sono intervenute questa mattina in un'azione coordinata a Berlino e a Mannheim, in Baden-Wuerttemberg. Sono stati perquisiti in tutto 4 appartamenti: lo studio medico e due case nella capitale e un altro appartamento a Mannheim, e sono stati sequestrati documenti, computer, telefonini e un mirino elettronico per fucili.

Secondo gli investigatori, l'uomo avrebbe approfittato della labilità mentale del 24enne, con il quale ha vissuto per un periodo nello stesso appartamento di Friburgo, in Baden-Wuerttemberg, influenzandolo e radicalizzandolo attraverso la visione di video di propaganda terroristica. Avrebbe poi pagato il biglietto aereo per l'Iraq, dove nell'ottobre 2014 il giovane si sarebbe unito a una milizia dell'Isis. Nel maggio dell'anno successivo, il giovane si è poi fatto esplodere nella città di Baiji, nel nord del Paese, causando la morte di almeno 12 soldati iracheni.

Il medico 33enne è stato già condotto nel carcere di Karlsruhe. L'accusa nei suoi confronti è di complicità nella preparazione di un grave attentato terroristico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS