Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I genitori di Kayla Jean Mueller, la cooperante americana prigioniera dell'Isis e che secondo gli jihadisti sarebbe morta durante un blitz aereo giordano, continuano a sperare che sia ancora viva. "Siamo fiduciosi che Kayla sia viva, vi imploriamo di contattarci in privato". È l'appello rivolto ai leader dello stato islamico dal padre e la madre della 26enne, originaria di Prescott in Arizona. I genitori hanno fatto sapere che la giovane è stata rapita in Siria nell'agosto del 2013 e fino ad oggi il suo nome era stato tenuto segreto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS