Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un richiedente asilo iracheno di una quarantina d'anni è stato arrestato in Belgio per sospetti legami con l'Isis.

L'uomo, identificato come Bassman Assanad, è stato fermato venerdì scorso nel centro della Fedasil (l'agenzia federale per i richiedenti asilo) di Jumet, sobborgo a nord di Charleroi.

Secondo quanto riportato dal sito del quotidiano Le Soir, Bassman era arrivato in Belgio lo scorso maggio e si era inizialmente installato presso un cognato.

Quando ha lasciato la casa, ha lasciato dietro di sé una macchina fotografica nella quale sono state scoperte sue immagini in abiti da jihadista davanti ad una bandiera nera dell'Isis.

La polizia lo ha messo sotto sorveglianza e dalle intercettazioni sono emersi legami con altre persone già seguite dai servizi di sicurezza federali. Al momento del fermo, tra gli effetti personali che aveva con sé nel centro Fedasil, è stato trovato un vessillo del Califfato.

Lunedì scorso il giudice istruttore di Charleroi ha confermato l'arresto per un mese. Nell'udienza l'uomo ha sostenuto che utilizzava la foto "per non avere noie" in Iraq.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS