Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mosca ha rivendicato la paternità del raid responsabile dell'uccisione del portavoce dell'Isis Abu Mohammad al-Adnani.

In un comunicato diffuso dal ministero della Difesa russo si sostiene, infatti, che è stato un raid portato a termine dai jet Su-34 di Mosca nell'area di Maratat Yum Haush, in cui sono morti circa 40 jihadisti, a "liquidare" il numero due dello Stato Islamico.

Secondo il ministero la conferma è arrivata "attraverso alcuni canali di intelligence".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS