Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Perquisizioni ai veicoli da parte di militari nella città di Marawi (Filippine), presa d'assalto dall'Isis.

KEYSTONE/AP

(sda-ats)

La legge marziale proclamata in un terzo del Paese, operazioni militari in città contro un gruppo di militanti affiliati all'Isis, il capo della polizia locale decapitato e una dozzina di cattolici usati come scudi umani.

Nel sud delle Filippine, il presidente Rodrigo Duterte si trova da ieri sera a fronteggiare la più grave emergenza nel suo primo anno di mandato.

E richiamando l'ex dittatore Ferdinand Marcos ha fatto capire di voler usare il pugno di ferro contro la crescita dell'estremismo islamico, considerata una minaccia alla sicurezza nazionale.

La crisi è scoppiata ieri a Marawi, una città di 200 mila abitanti nell'isola di Mindanao, dopo un blitz fallito dell'esercito per mettere le mani su Isnilon Hapilon, un comandante del gruppo ribelle Abu Sayyaf considerato tra i terroristi più pericolosi del Paese.

I militanti hanno chiamato i rinforzi del gruppo islamico Maute, che ha giurato fedeltà all'Isis. Decine di uomini armati hanno assaltato diversi edifici tra cui un carcere e una chiesa, a cui hanno appiccato il fuoco. Un sacerdote e almeno altri 13 fedeli sono stati presi in ostaggio, con la minaccia di ucciderli se l'esercito non interromperà l'offensiva.

Difficile capire la situazione sul campo a Marawi. Mentre i militari sostengono di essere in controllo, migliaia di residenti sono fuggiti. Gli scontri hanno causato almeno quattro morti tra le forze di sicurezza, tra cui il capo della polizia locale a cui i militanti hanno mozzato la testa. Non è stato divulgato il numero di eventuali assalitori uccisi.

L'esplosione di violenza ha sorpreso Duterte mentre si trovava in visita a Mosca per incontrare Putin. Il leader è tornato subito in patria, atterrando oggi e lasciando intendere di essere pronto a combattere gli estremisti.

"Sarò duro", ha detto il presidente, tracciando un collegamento tra la sua legge marziale e quella di Marcos e dicendosi pronto a tenerla in vigore per un anno, senza escludere di estenderla da Mindanao a tutto l'arcipelago a maggioranza cattolica se la minaccia islamica dovesse propagarsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS