Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si sono dati il nome di "Masayminch 2012" (Noi non digiuniamo) e, come fa intendere la denominazione che hanno scelto per loro, non intendono sottostare alla prescrizione dell'astenersi dal mangiare durante la giornata nel mese del ramadan, uno dei pilastri dell'Islam e che quest'anno comincia il 20 luglio. Si tratta di un gruppo di giovani marocchini emanazione del Movimento alternativo per le libertà individuali.

Non ne fanno un problema di religione, ma solo di libertà della persona se decidere di aderire o meno ad una prescrizione del Corano. Un tentativo eguale era stato fatto nel 2009, quando un gruppo di giovani tentò di mangiare, durante il ramadan, davanti ad una stazione, ma l'intervento della polizia bloccò la manifestazione.

Non si tratta, sostengono, di chiedere ai musulmani di rompere il digiuno, ma soltanto di rendere pubblico che ci sono delle famiglie che, pur seguendo l'islam, reclamano il diritto di mangiare liberamente durante il mese sacro. "Masayminch 2012" ha deciso di mettere in rete un video con cui pubblicizzare le sue idee e presentare le sue iniziative.

In Marocco (il cui re ha la qualifica di 'Condottiero dei credentì. la rottura del digiuno del ramadan è considerato un reato sanzionato con la reclusione sino a sei mesi ed una ammenda che può raggiungere i 100 euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS