Navigation

Israele: bandiere nere e rosa contro Netanyahu

Poliziotti allontanano un manifestante con la forza. KEYSTONE/AP/Ariel Schalit sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2020 - 19:17
(Keystone-ATS)

Sono stati circa 10mila i manifestanti che ieri sera hanno dimostrato a Gerusalemme per chiedere le dimissioni del premier Benyamin Netanyahu per i suoi guai giudiziari e la gestione della pandemia.

Accanto alle consuete bandiere nere innalzate dall'omonimo gruppo - uno dei maggiori che ha dato il via alle proteste in corso da mesi - sono sempre più numerose quelle rosa. Il fenomeno è nato lo scorso 19 settembre poco prima dell'attuale lockdown in Israele - che scadrà questa sera alle 24 locali - quando, ha ricordato Haaretz, un gruppo di giovani donne e alcuni uomini hanno indossato sulla spiaggia di Tel Aviv costumi da bagno rosa, bandane rosa sfidando le restrizioni governative a manifestare a causa del Covid.

I cartelli, anche questi rosa, chiedevano di 'Preservare il diritto a manifestare'. 'Il fronte rosa' insieme al movimento Lgbt è uno dei quelli più attivi nelle proteste. Nel frattempo sono aumentati - anche secondo la polizia - gli attacchi di gruppi di destra, che sostengono Netanyahu, ai manifestanti. Ieri sera gli assalti si sono verificati a Tel Aviv, Ramat Gan, Kiryat Ata e anche Gerusalemme. Le forze dell'ordine a Gerusalemme hanno arrestato un ragazzo di 18 anni ritenuto responsabile di uno degli attacchi e altri 4 sono stati fermati a Tel Aviv. Episodi analoghi di attacchi sono avvenuti anche nei giorni scorsi.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.