Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un frammento di ceramica di 2700 anni fa con un'antica iscrizione ebraica che dovrebbe contenere il nome di una figura biblica. È quanto scoperto dagli archeologi delle Antichità israeliane al lavoro su uno scavo proprio fuori Gerusalemme sul sito della Città di Davide e che ora è nel villaggio arabo di Silwan.

Il frammento - secondo gli studiosi - fa parte di una grande ciotola di ceramica che risalirebbe ad un epoca tra l'ottavo e il settimo secolo prima dell'era corrente. L'iscrizione non completa dice - trascritta in caratteri latini - "ryhu bn bnh", che potrebbe essere "Zaccaria figlio di Benaiah"

Il frammento, trovato insieme ad altri piccoli manufatti dello stesso periodo, è stato scoperto dagli archeologi Joe Uziel e Nahshon Zanton durante lo scavo dei resti associati alla distruzione del Primo Tempio a Gerusalemme, avvenuta nel 578 corrente evo ad opera del re babilonese Nabucodonosor.

Uziel e Zanton hanno spiegato che l'iscrizione sul frammento di ciotola è presumibile risalga ad un periodo "tra il regno di Ezechia e la distruzione della città sotto re Zedechia". La Cittadella di Davide, oggi situata fuori le mura sud della Città Vecchia, è ritenuta dagli archeologi il luogo dell'antica città di Gerusalemme menzionata nella Bibbia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS