Il premier incaricato Benyamin Netanyahu sembra destinato a doversi accontentare di un governo retto da una coalizione con soli 60 seggi su 120 alla Knesset. Una coalizione esposta alla Knesset a navigare a vista, visti i numeri.

L'attuale situazione di stallo per la formazione dell'esecutivo - nonostante Netanyahu abbia ottenuto altre 2 settimane di tempo dal presidente Reuven Rivlin - è legata alle richieste dei potenziali partner di governo e soprattutto alle difficoltà dei colloqui con Avigdor Lieberman, leader nazionalista laico di 'Yisrael Beitenu', detentore di 5 determinanti seggi.

Se Lieberman restasse fuori dal governo, Netanyahu dovrebbe dunque accontentarsi - come riporta oggi il quotidiano 'Yediot Ahronot' che cita fonti del Likud, il partito del premier - di un governo di 'non maggioranza'. Una evenienza - ha aggiunto - mai vista in Israele, ma "teoricamente possibile" se Lieberman non votasse contro il governo alla Knesset.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.