Navigation

Israele: torna in alto mare l'intesa tra Netanyahu e Gantz

Lontani i tempi dei sorrisi: prosegue l'infinita crisi politica israeliana. KEYSTONE/EPA/ABIR SULTAN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2020 - 13:09
(Keystone-ATS)

A poche ore di distanza dalla dichiarata intesa per la formazione di un nuovo governo in Israele, l'accordo tra il Likud di Benjamin Netanyahu e Blu-Bianco di Benny Gantz è tornato in alto mare.

Con un'altalena tipica di annunci e contro annunci - ad un anno quasi esatto dalle prime elezioni di aprile 2019 - il faticoso cammino per un esecutivo di unità nazionale, in piena emergenza coronavirus, in queste ore sembra aver subito una forte battuta di arresto, tanto che Blu-Bianco ha dichiarato "interrotte" le trattative con il Likud.

Questa volta il dissenso - superato a quanto sembra il contrasto sull'annessione di parte della Valle del Giordano e degli insediamenti ebraici in Cisgiordania - ha riguardato la nomina dei giudici le cui regole il Likud, secondo Blu-Bianco, vorrebbe cambiare. "Li abbiamo informati - hanno detto fonti del partito di Gantz, citate dai media - che fino a quando non ci diranno che non ci sono cambi sul Comitato di selezione dei giudici, non c'è nulla di cui parlare".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.