Navigation

Issata all'Onu a Ginevra la nuova bandiera libica

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 settembre 2011 - 15:04
(Keystone-ATS)

Da oggi davanti alla sede dell'Onu di Ginevra sventola la nuova bandiera libica. Sul posto si è tenuta una breve cerimonia alla presenza dell'ambasciatore libico alle Nazioni Unite e di un gruppo di manifestanti che gridavano "Viva la Libia".

Il nuovo vessillo - composto da tre bande orizzontali: rossa, nera e verde che simboleggiano le regioni storiche Tripolitania, Cirenaica e Fezzan; nella banda centrale, grande il doppio delle altre due, sono raffigurate una mezzaluna e una stella bianche - è stato issato "su richiesta delle autorità libiche", ha precisato la portavoce dell'Onu Corinne Momal-Vanian. L'assemblea generale dell'Onu aveva riconosciuto venerdì scorso il Consiglio nazionale di transizione (Cnt) come rappresentate legittimo della Libia.

L'Onu ha anche adottato la nuova denominazione del paese: la Jamahiriya araba libica, nome ufficiale sotto il regime di Muammar Gheddafi, è ritornata a chiamarsi Libia. L'ambasciatore libico all'Onu di Ginevra è invece rimasto lo stesso: Ibrahim Aldredi ha infatti abbandonato il rais già in febbraio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?