Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Sindone fu salvata dalle fiamme.

KEYSTONE/AP/ANTONIO CALANNI

(sda-ats)

Erano da poco passate le 23.00 di un venerdì sera quando l'allarme arrivò ai vigili del fuoco: un terribile incendio stava divorando la Cappella del Guarini, costruita nel 1668 a Torino per custodire la Sindone.

Il lenzuolo che, secondo la tradizione, avvolse il corpo di Gesù deposto dalla croce, venne salvato dalle fiamme. A vent'anni esatti, e dopo un lungo e complesso cantiere di consolidamento, del valore di trenta milioni di euro (32,1 milioni di franchi), si apre ora l'ultima fase del restauro. L'obiettivo è di restituire la cupola alla città nei primi mesi del 2018.

"Dopo vent'anni potremo ammirare in tutto il suo splendore architettonico questa struttura rinnovata e consolidata", annuncia l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia. Proprio in questi giorni, il testimone passerà all'impresa che sta terminando i lavori di ricostruzione delle superfici interne alla nuova impresa che ricostruirà i serramenti, le coperture e le murature esterne.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS