Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Italia il mercato del falso non ha confini: a partire dai più "tradizionali" orologi, passando per i biglietti ferroviari fino ad arrivare ai profilattici, praticamente tutto viene "copiato" e immesso illegalmente in commercio. Solo nei primi sette mesi di quest'anno la Guardia di Finanza ha sequestrato 53 milioni di prodotti contraffatti, denunciato 6000 responsabili, arrestato 94 persone sospettate di essere affiliati a organizzazioni criminali dedite al falso, il 41% dei quali italiani.

Se questa mole di "falsi" fosse stata venduta avrebbe fruttato oltre 2 milioni di euro al giorno. La cifra rende bene l'idea di quale sia il giro d'affari della contraffazione, che mette in circolo merce di nessuna qualità, spesso pericolosa per la salute o l'incolumità dei consumatori, e rappresenta, inoltre, un canale che alimenta altri reati: evasione fiscale e contributiva, riciclaggio, sfruttamento dell'immigrazione clandestina e del "lavoro nero" che, in alcuni casi, è al limite della schiavitù.

Con le oltre 7300 operazioni di controllo del territorio e le indagini anticontraffazione effettuate dalle Fiamme Gialle - in media 35 al giorno - sono stati tolti dal mercato 28 milioni di "tarocchi", 22 milioni di prodotti pericolosi e 3 milioni di falsi Made in Italy. Oltre il 90% dei sequestri è stato portato a termine sul territorio, fuori dai punti di approdo delle merci, quali porti e aeroporti. Nel dettaglio sono stati bloccati 15 milioni di capi e accessori di abbigliamento, 18,5 milioni di giocattoli, 15,5 milioni di beni di consumo e 4 milioni di prodotti elettronici.

Nel circuito della contraffazione, quindi, non finiscono più solo capi firmati e beni di pregio, ma anche articoli per la casa e per la scuola, cosmetici, farmaci, sigarette, profumi, parti meccaniche, fino ad arrivare ai profilattici (come i 100 mila condom contraffatti scoperti in un container nel porto di Gioia Tauro) e al detersivo (come le 9mila confezioni, pari a 20 tonnellate, intercettate al porto di Palermo). Hanno fatto notizia anche i biglietti fasulli del treno "Leonardo Express" per Fiumicino scoperti a Livorno.

Il falso corre anche su internet: è il caso di un sito specializzato in prodotti hi-tech, troppo a buon mercato per essere doc, che vendeva tablet, smartphone e accessori per auto con marchi Apple, Htc e Nokia. Tutto falso, ovviamente.

Impressionanti i risultati delle ultime indagini del Nucleo di Polizia Tributaria di Firenze sui proventi dei gruppi criminali italo-cinesi del settore del falso. Solo a luglio sono state sequestrate 52 imprese, 26 immobili, oltre 100 veicoli e 183 conti bancari: 242'000 i trasferimenti illeciti di denaro compiuti da 155 imprenditori con la complicità di un money transfer e 58 prestanome. E dal 2010 a oggi sono stati individuati trasferimenti illeciti di denaro verso la Cina per 4,5 miliardi di euro, bloccate 14 agenzie di money transfer, denunciate 581 persone, di cui 24 arrestate, e sequestrate 207 aziende, 283 immobili e 471 veicoli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS