Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mada Kabobo, il ghanese di 31 anni che lo scorso 11 maggio aggredì a colpi di piccone alcuni passanti a Milano, uccidendone tre, "non ha commesso gli omicidi in una condizione di totale assenza di coscienza, di automatismo, del tutto travolto dalla malattia", ovvero la "psicosi schizofrenica".

Lo scrivono i periti Ambrogio Pennati e Isabella Merzagora nelle circa 180 pagine della relazione pubblicata oggi.

Kabobo, scrivono i periti, "per esempio, ricorda la numerosità delle vittime, il loro genere, le sequenze degli atti, le armi usate; a tale ultimo proposito, si è anche procurato un'arma più efficiente della prima scelta". E il ricordo, aggiungono, "non è compatibile con una totale assenza di coscienza durante i fatti".

I motivi "da lui riferiti" dell'aggressione a picconate ai passanti, si legge ancora nella relazione, "sono sì in gran parte patologici, ma assieme a questi ne riporta anche altri, quali il rancore e la frustrazione per non essere ascoltato da nessuno". E poi "la motivazione dell'omicidio come perversa richiesta d'aiuto; addirittura avrebbe voluto essere catturato 'così finiva tutto', intendendo il freddo e le sofferenze causate dalle voci. Ed anche 'pensavo mi sparassero', secondo la dinamica del suicidio indiretto".

Benché "ambivalenti", si legge ancora nella perizia, "Kabobo ha anche avanzato valutazioni morali circa i propri gesti". In un colloquio con i due periti, infatti, il ghanese ha raccontato: "Quando ho visto quella scena lì mi è dispiaciuto tanto però nella mia mente sentivo che queste voci parlavano la stessa lingua di quella persona e pur sapendo di aver fatto una cosa sbagliata l'ho fatta".

Dunque, i periti concludono scrivendo che la sua capacità di intendere non era "totalmente assente" e la capacità di volere era "conservata". Kabobo, inoltre, ha la capacità di partecipare "coscientemente" al procedimento penale a suo carico, anche perché "dopo la somministrazione di farmaci antipsicotici" ha "evidenziato un rimarchevole miglioramento delle proprie condizioni rispetto al momento della commissione dei delitti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS