Navigation

Italia: al via domenica a piedi a Milano, la prima di Sala

Ciclisti in Corso Buenos Aires a Milano (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/STEFANO CAVICCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2020 - 11:51
(Keystone-ATS)

Milano a piedi. Da questa mattina alle 10 è scattato il blocco del traffico disposto dal sindaco, Giuseppe Sala.

Lo smog da settimane ha superato il livello di guardia. Infatti la concentrazione delle polveri sottili si è attestata attorno ai 78,7 microgrammi per metro cubo, ben oltre la soglie del 50 microgrammi.

Così fino alle 18 non potranno circolare auto e moto anche se per alcuni ci sono deroghe. Non solo per chi per esempio deve raggiungere aeroporti o stazioni ferroviarie o deve recarsi al lavoro, ma anche per i tifosi che andranno allo stadio per assistere alla partita tra Milan e Verona: per loro a partire dalla 12 sono stati riservati dei 'corridoi', vie in cui sarà permessa la circolazione, in modo da consentire di raggiungere i parcheggi attorno al Meazza. Inoltre sono esclusi dal divieto i posteggi di interscambio in modo da permettere a chi arriva da fuori città di utilizzare metropolitane e bus.

Il blocco non è previsto invece per i veicoli elettrici o con pass per disabili oppure i mezzi di pronto soccorso sanitario. Atm, ha potenziato il servizio con 380 corse aggiuntive per le metropolitane e 1500 sulle principali linee della rete di superficie. Per controllare il rispetto dell'ordinanza del sindaco sono state messe in campo 70 pattuglie della polizia locale.

La domenica a piedi, la prima dell'amministrazione Sala, ha incassato alcune critiche, come quelle di Regione Lombardia tramite una mozione urgente approvata a maggioranza dal Consiglio regionale, e quella dell'eurodeputata della Lega Silvia Sardone e il commissario cittadino del partito Stefano Bolognini: i due in segno di protesta gireranno per Milano su un calesse trainato da un cavallo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.