Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Con un centrodestra e Berlusconi che ne fa ancora il regista siamo in grado di superare al primo turno il 40% e quindi in grado di dare al Paese un governo di persone perbene".

È l'analisi sul momento del centrodestra dell'ex premier italiano Silvio Berlusconi, collegato stasera via Skype con il Teatro Regio di Parma in occasione della prima edizione del premio "Buongiorno Italia".

"Con Lega Nord e Fratelli d'Italia abbiamo già stilato un programma in sei punti - aggiunge il leader di Fi - Meno tasse su famiglie, imprese e partite Iva, meno Stato e meno Europa, un'Europa che ora offre solo politiche del rigore negative, più aiuto per chi ha bisogno, più sicurezza e più garanzie nella giustizia".

Inoltre, secondo Berlusconi, "Renzi è sceso al 30%, non ha più voti personali da dare al Partito Democratico come era successo alle elezioni Europee. Un partito, il Pd, dove ci sono persone ostili al presidente del Consiglio, che non amano essere guidati da un vecchio democristiano, anche se giovane".

"Cosa succederebbe al secondo turno? - si è domandato Berlusconi - I sondaggisti dicono che vincerebbero i Cinque Stelle e andremmo incontro ad una catastrofe, perché sappiamo quali sentimenti prevalgono nei loro rappresentanti. Cosa fare allora? Il centrodestra deve salvare l'Italia. Il centrodestra può e deve vincere al primo turno".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS