Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Il presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi studia una strategia per non farsi logorare dai finiani, stretto tra le pressioni della Lega che punta dritto sulle elezioni anticipate ed alcuni dubbi emersi nel Popolo della libertà (Pdl) oggi sulle soluzioni da adottare per raggiungere l'obiettivo.
Ma il Cavaliere intende al più preso parlare con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Un colloquio per illustrare la gravità della situazione alla luce dell'intervento del presidente della Camera Gianfranco Fini domenica a Mirabello. Un intervento che non ha fatto altro che aggravare una situazione ritenuta dal premier ormai insostenibile da tempo.
Nel lungo vertice del Pdl, con i capigruppo, i coordinatori, i ministri Frattini, Matteoli e Vito, ed i sottosegretari Letta e Bonaiuti, si sarebbe discusso proprio di questo, facendo riferimento anche al documento uscito stanotte dopo il vertice con la Lega ad Arcore. Nel corso della riunione qualcuno dei presenti avrebbe comunque invitato il Cavaliere a riflettere sulla opportunità di recarsi al Quirinale senza un fatto concreto che certifichi che la maggioranza non c'è più.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS