Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Violazioni delle norme antiriciclaggio per 14 milioni, transazioni in denaro contante oltre i limiti consentiti per circa 3 milioni, evasione di oltre due milioni: sono i risultati di un blitz condotto dagli uomini della Guardia di Finanza in tutta Italia, in collaborazione con la Siae, nelle gallerie d'arte. Complessivamente sono state controllate 24 gallerie d'arte e case d'asta e nei confronti di due, a Roma e Padova, è stata disposta la chiusura temporanea.

L'operazione, condotta dagli uomini del nucleo speciale per la radiodiffusione e l'editoria, aveva l'obiettivo di accertare le eventuali irregolarità nel settore della compravendita delle opere d'arte. Nel corso dei controlli, i finanzieri hanno riscontrato diverse violazioni. In particolare, è stata scoperta un'evasione di oltre 2 milioni sul 'diritto di seguito', in sostanza il compenso dovuto agli autori di un'opera d'arte visiva per vendite successiva alla prima.

Ma non solo: nei controlli per individuare investimenti illeciti e per verificare il rispetto delle norme antiriciclaggio, gli uomini delle Fiamme Gialle hanno riscontrato violazioni riguardanti l'omessa segnalazione da parte delle case d'asta di operazioni sospette per circa 14 milioni e l'utilizzo di numerose transazioni in contanti oltre i limiti consentiti (mille euro), per circa 3 milioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS