Navigation

Italia: carico fiscale imprese al 59%

Imprese tartassate dalla imposte in Italia KEYSTONE/AP/MASSIMO PINCA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2019 - 13:44
(Keystone-ATS)

Imprese italiane le più tartassate rispetto ai partner Ue ed al resto del mondo: è quanto risulta dal rapporto "Paying Taxes 2020" di Banca Mondiale e PwC.

Aumenta così il carico fiscale complessivo sulle imprese (il Total Tax & Contribution Rate), pari al 59,1% dei profitti commerciali (53,1 nella classifica precedente) a fronte di un 'peso' globale del 40,5% ed europeo del 38,9%. Per l'Italia si tratta di un "dato essenzialmente riconducibile al venir meno degli sgravi contributivi introdotti quale misura temporanea non successivamente stabilizzata".

Il Total Tax and Contribution Rate - si spiega nel rapporto - misura il carico fiscale e contributivo per le imprese, non la sola pressione fiscale.

Tra gli altri dati nel rapporto si segnala come siano 238 le ore impiegate dalle imprese italiane per adempimenti fiscali (dato inalterato, sostanzialmente in linea con la media mondiale, ma superiore alla media europea) mentre 14 è il numero di pagamenti annuali (dato inalterato, inferiore alla media mondiale leggermente superiore alla media europea).

L'Italia, tenendo conto dei tre indicatori, scende quindi al 128/o posto nella classifica generale (118/o posto nel Report pubblicato per il 2017, successivamente rettificato al 116/o posto).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.