Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È durato quasi cinque ore l'interrogatorio di Davide Enderlin, l'avvocato ticinese coinvolto nell'inchiesta sulla maxi truffa ai danni dell'istituto italiano Carige. È quanto indica l'agenzia di stampa Ansa. Enderlin è stato interrogato dal pubblico ministero Silvio Franz che coordina l'inchiesta con l'aggiunto Nicola Piacente.

"È stato un interrogatorio di precisazioni di alcuni aspetti - ha sottolineato il suo legale, l'avvocato Giordano Balossi - in particolare del giro di soldi usati (sedici milioni di euro) per l'acquisto dell'albergo Holiday Inn di Lugano. C'erano delle incongruenze sul finanziamento ricevuto e l'acquisto perché il finanziamento era stato fatto in franchi mentre l'acquisto in euro e non tornavano i conti, ma anche questo aspetto è stato chiarito".

Secondo gli inquirenti, l'avvocato avrebbe aiutato il gruppo capeggiato dall'ex presidente di Carige a riciclare in Svizzera parte dei proventi delle truffe commesse. La settimana prossima il legale di Enderlin potrebbe chiedere l'attenuazione della misura cautelare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS