Navigation

Italia: caso Dj Fabo, assolto Marco Cappato

Marco Cappato KEYSTONE/EPA ANSA/MATTEO BAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2019 - 13:20
(Keystone-ATS)

La corte d'Assise di Milano ha assolto Marco Cappato con la formula "perché il fatto non sussiste". L'esponente dei radicali era imputato per aiuto al suicidio per la vicenda di dj Fabo, accompagnato a morire in Svizzera nel febbraio 2017.

Nel chiedere l'assoluzione, l'accusa aveva ricordato la recente sentenza della Corte costituzionale, spiegando che nella vicenda ricorrono tutti e 4 i requisiti indicati, che ha tracciato la via sulla non punibilità dell'aiuto al suicidio. "Ho agito per libertà di scelta e per il diritto di autodeterminazione individuale", ha detto Cappato, che durante il processo ha ricevuto la notizia della morte della madre, malata da tempo.

In una sentenza risalente allo scorso settembre, la Corte costituzionale italiana aveva ritenuto non punibile a determinate condizioni, chi agevola l'esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da "trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli".

Ma ha posto dei paletti. In attesa dell'indispensabile intervento del legislatore, ha subordinato la non punibilità al rispetto delle modalità previste dalla normativa sul consenso informato, sulle cure palliative e sulla sedazione profonda continua. Non solo: la verifica delle condizioni richieste (come la irreversibilità della patologia e la natura intollerabile delle sofferenze) e delle modalità di esecuzione deve essere compiuta da una struttura pubblica del Servizio sanitario nazionale, sentito il parere del comitato etico territorialmente competente. Si tratta di cautele adottate "per evitare rischi di abuso nei confronti di persone specialmente vulnerabili".

Dj Fabo era rimasto cieco e tetraplegico dopo un incidente stradale e attaccato ad un sondino per sopravvivere, vittima di atroci sofferenze per la sua patologia, ma pienamente consapevole della sua volontà di considerare quelle condizioni di vita non compatibili con la sua dignità.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.