Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I resti del ponte Morandi di Genova dopo il crollo (foto d'archivio)

Keystone/EPA/SIMONE ARVEDA

(sda-ats)

Una 'black list' di 60 nomi su cui potrebbero ricadere responsabilità penali per il crollo del Ponte Morandi a Genova che ha causato la morte di 43 persone.

È quanto hanno predisposto gli uomini del primo gruppo della guardia di finanza (Gdf), integrando un primo elenco di 25 persone, in una informativa inviata nelle ultime ore ai pm che indagano sul collasso del viadotto.

Ai magistrati spetta ora il compito di un eventuale aggiornamento del registro degli indagati, nel quale inizialmente sono state iscritte 20 persone.

I nuovi nomi indicati dalle fiamme gialle nell'informativa alla Procura sono di dipendenti, tecnici o dirigenti di Autostrade, del Ministero dei trasporti e di Spea Engineering.

Si tratta - secondo l'analisi dei documenti e degli organigrammi aziendali condotta dai finanzieri - di quanti erano a conoscenza delle condizioni del ponte e di chi si occupò del progetto di retrofitting che riguardava i lavori di rinforzo delle pila 9, quella crollata, e della 10.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS