Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MILANO - La Guardia di Finanza di Milano, in collaborazione con la polizia francese, inglese e belga hanno eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere (di cui due in Italia, a Milano e Roma) nei confronti di un'organizzazione criminale internazionale formata da soggetti di diversa etnia (prevalentemente afgana e pakistana ma con la partecipazione attiva anche di soggetti romeni e albanesi) dedita al reato di immigrazione clandestina dall'Afghanistan verso il nord Europa.
I militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Milano,
I reati per i quali sono state emesse le ordinanze di custodia cautelare sono aggravati dalla transnazionalità. Nell'ambito della stessa operazione, alcuni giorni fa, le Autorità francesi avevano già arrestato 6 persone (tutte afgane) appartenenti alla stessa organizzazione.
Le indagini della Guardia di Finanza erano iniziate nel 2007 nei confronti di persone di origine afgana e pakistana residenti in provincia di Milano sospettati di finanziare il terrorismo di matrice islamica attraverso il traffico internazionale di sostanze stupefacenti come il diazepam (largamente consumata nei Paesi del nord Europa, Canada e Stati Uniti con pasticche di ecstasy, in quanto consente all'utilizzatore di "riprendersi dagli effetti dello sballo"), il commercio di documenti falsi e, appunto, l'immigrazione clandestina.

SDA-ATS