Navigation

Italia: giustizia; Berlusconi, riforma subito, anche immunità

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2011 - 14:23
(Keystone-ATS)

Sul tema della giustizia dobbiamo fare in fretta perché è un problema non più rinviabile che dobbiamo risolvere quanto prima. Così il premier italiano Silvio Berlusconi nel corso della riunione del Consiglio dei ministri ha insistito sulla necessità di andare avanti il più speditamente possibile con la riforma della giustizia, inclusa quelle delle intercettazioni e dell'immunità parlamentare prevista dal vecchio articolo 68 della Costituzione.

Dalle parole del premier, secondo quanto riferito da fonti governative, diversi presenti hanno colto la volontà di fare della giustizia il prossimo terreno di confronto politico e, inevitabilmente, di scontro con l'opposizione.

Al termine della relazione del ministro Angelino Alfano, che ha illustrato le riforme che il governo e la maggioranza intendono portare avanti, sono intervenuti diversi ministri. Uno di loro ha ricordato l'importanza di ritornare all'immunità parlamentare prevista dall'articolo 68 nella sua versione originaria introdotta dai padri costituenti. Un punto sul quale lo stesso premier, riferiscono fonti governative, si è trovato d'accordo, sottolineando che è un argomento che dovrà essere affrontato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.