Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono stati quasi 1700 nei primi cinque mesi di quest'anno i migranti respinti dalla polizia di confine svizzera alla frontiera tra la Val d'Ossola, in Piemonte, e il canton Vallese.

I respingimenti avvengono quasi ogni giorno. Gli stranieri, in viaggio su uno dei treni internazionali che partono da Milano, vengono controllati e bloccati alla stazione di Briga, oltre il tunnel del Sempione, fatti scendere e rimessi su un convoglio con destinazione Domodossola. Oggi è stata la volta di sessanta profughi che erano sul Milano-Ginevra.

"In precedenza - spiegano al posto di polizia di frontiera di Domodossola, dove da mesi fronteggiano questa situazione - la Svizzera concedeva il transito sino al confine francese di Vallorbe, ma da quando la Francia ha chiuso le frontiere, gli elvetici impediscono anche il semplice passaggio".

A Domodossola nessuno dei migranti si ferma: riprendono il primo treno per rientrare a Milano e, con ogni probabilità, tentare di passare il confine dal Brennero o altrove.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS