Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Le Forze dell'Ordine, d'intesa con la Magistratura, hanno individuato l'assassino di Yara Gambirasio". Lo ha reso noto il ministro italiano dell'Interno, Angelino Alfano. Era il 26 novembre 2010 quando Yara, 13 anni anni, sparì uscendo dalla palestra di Brembate (Bergamo). Venne trovata morta un anno dopo.

L'assassino di Yara, "secondo quanto rilevato dal profilo genetico in possesso degli inquirenti, è una persona del luogo, dunque della provincia di Bergamo".

Nelle prossime ore, ha proseguito Alfano, "saranno forniti maggiori dettagli. Ringraziamo tutti, ognuno nel proprio ruolo, per l'impegno massimo, l'alta professionalità e la passione investiti nella difficile ricerca di questo efferato assassino che, finalmente, non è più senza volto".

Nel frattempo il presunto assassino di Yara Gambirasio è sarebbe stato sottoposto a provvedimento di fermo ed ora è interrogato. Lo ha appreso l'Ansa da fonti qualificate. L'uomo, quarantenne, è stato catturato dai carabinieri del Ros, dopo indagini condotte insieme alla Polizia. Si tratterebbe di un quarantaquattrenne di Clusone (Bergamo), nella zona dove è avvenuto l'omicidio. Secondo quanto si è appreso ha tre figli ed è stato fermato dai carabinieri del Ros nella sua abitazione.

SDA-ATS