Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MILANO - Il tentativo di mettere le mani sugli appalti per l'Expo da parte della 'ndrangheta è emerso dall'inchiesta coordinata dalle Direzioni distrettuali antimafia di Milano e Reggio Calabria che oggi ha portato alla maxi operazione con oltre 300 arresti.
Nelle indagini è stato ricostruito il tentativo, si legge in una nota distribuita in conferenza stampa a Milano, di infiltrarsi nell'Expo in programma a Milano nel 2015.
Nell'inchiesta e' stato ricostruito il tentativo di assorbire nel 'gruppo Perego' altre importanti aziende lombarde del settore edile che, si legge nella nota, versavano in condizioni di difficolta' economica.
Cio' allo scopo di costituire apposite associazioni temporanee di imprese in grado di partecipare direttamente all'affidamento degli appalto per l'Expo 2015.
Tale progetto non si e' concretizzato a causa del mancato risanamento economico della stessa Perego, attualmente sottoposta a procedura fallimentare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS