Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chiede il rinvio dell'udienza per sottoporsi in ospedale ad una seduta chemioterapica, ma il giudice rigetta l'istanza e manda in decisione il processo. È quanto accaduto ad un'avvocatessa leccese di 44 anni.

Questa mattina avrebbe dovuto discutere una causa dinanzi alla prima sezione della Corte d'Appello civile di Lecce, presidente Marcello Dell'Anna. La professionista è in trattamento chemioterapico ed era in ospedale per sottoporsi alla seduta.

La civilista - a quanto viene riferito - aveva inoltrato giorni fa istanza di rinvio dell'udienza, allegando il certificato di ricovero presso l'Oncologico di Lecce, ma la Corte ha rigettato la richiesta di legittimo impedimento per motivi di salute. È stata la stessa professionista a segnalare quanto accaduto al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati che ha stigmatizzato quanto accaduto agli organi di stampa censurando il comportamento del giudice, definito di una "gravità inaccettabile" per la violazione del diritto alla difesa e la mancanza di rispetto per una situazione "molto delicata".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS