Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due rocciatori sono morti dopo essere precipitati da una parete del massiccio del Gran Sasso, nell'Appennino abruzzese. I cadaveri sono stati ritrovati stamattina da un elicottero, dopo che i familiari avevano l'allarme per il mancato rientro ieri sera.

L'incidente è avvenuto sulla parete nord del Monte Camicia (2564 m), considerata tra le più difficili in Italia a causa della roccia instabile. I due alpinisti erano partiti ieri per una arrampicata complessa, dovevano tornare in serata ma non hanno più dato notizie a familiari ed amici. Questa mattina alle 8.30 l'elicottero dei soccorsi ha avvistato alla base della parete i due corpi, che erano uno accanto all'altro legati da una unica corda. Le salme sono state portate a Teramo, presso l'ospedale Mazzini.

Le vittime sono due noti alpinisti italiani, Roberto Iannilli, 62 anni di Cerveteri (Roma), e Luca D'Andrea di Sulmona. Da molti anni erano impegnati in imprese comuni, come quella finita in tragedia in Abruzzo.

In particolare Iannilli è considerato uno dei massimi esperti di arrampicata in Italia. Ha aperto centinaia di nuovi itinerari in Italia e all'estero. Ha vinto per due volte il premio 'Consiglio', massimo riconoscimento alpinistico italiano. Era particolarmente legato al Gran Sasso dove, in solitaria o con altri escursionisti, ha aperto più di 100 nuove vie. È stato inoltre tra i finalisti al premio internazionale 'Piolet d'Or', per una impresa compiuta sulle Ande peruviane. Molto nota, tra gli appassionati, è anche la sua scalata alla "Bartolomei Tower", sull'Himalaya.

Impossibile al momento ricostruire la causa della tragedia. "Stavano scalando una parete che ha uno sviluppo di 1200 metri - spiegano dal Soccorso Alpino - e non si può stabilire da che altezza siano precipitati".

Iannilli già nel 2010 era rimasto vittima di un incidente simile, sempre sul Gran Sasso, durante una scalata: era precipitato per una trentina di metri e si era fratturato i polsi e ferito alla testa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS