Navigation

Italia: nave Costa; Schettino abbandonò circa 300 persone a bordo

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2012 - 14:39
(Keystone-ATS)

Il comandante Francesco Schettino è accusato dalla procura di Grosseto di aver abbandonato circa 300 persone - passeggeri della nave da crociera Costa Concordia - incapaci di provvedere a se stessi durante il naufragio avvenuto in ore notturne il 13 gennaio scorso presso l'Isola del Giglio.

La procura rimprovera a Schettino di non aver avuto cura di loro in quanto comandante della nave. Questa accusa si aggiunge a quelle di omicidio plurimo colposo, naufragio e abbandono della nave.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?