Navigation

Italia: nave Costa; turismo del dolore, in mille al Giglio

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2012 - 17:32
(Keystone-ATS)

Il week-end e la giornata di sole hanno fatto scattare il "turismo del dolore" verso l'isola del Giglio, dove il 13 gennaio è naufragata la Costa Concordia. Oltre 1000 persone si sono imbarcate da Porto Santo Stefano sui traghetti di Toremar e Maregiglio per raggiungere l'isola e vedere il più da vicino possibile il relitto della Concordia e gli interventi dei soccorritori. Tutti "armati" di telecamere e cellulari hanno filmato e fotografato la scena del naufragio. Due sabati fa le persone arrivate al Giglio erano state 131.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?