Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ancora una tragedia della disperazione nel Mediterraneo. Stavolta sono 19 le vittime accertate di un viaggio della speranza partito dalla Libia in direzione dell'Europa.

La tragedia si è consumata nella notte su un barcone con 400 persone a bordo tra la Libia e Malta, avvistato da un mercantile danese. Le autorità dell'isola hanno chiesto la collaborazione della Guardia costiera italiana che ha inviato due motovedette.

Nell'attesa, il mercantile ha raggiunto l'imbarcazione ed ha recuperato i passeggeri: 18 erano morti nella stiva per le esalazioni prodotte dal motore. Tre dei superstiti, in gravi condizioni di salute, sono stati imbarcati sulle motovedette per essere trasferite d'urgenza a Lampedusa. Durante il tragitto, uno è morto.

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), da parte sua, ha evidenziato che tra ieri e oggi sono stati registrati oltre 5.200 arrivi e si calcola che le vittime di naufragi e avvelenamenti da monossido di carbonio potrebbero essere oltre 100, mentre molti di più sarebbero i dispersi: 60 persone al largo della Libia a cui si potrebbero aggiungere le 240 persone di nazionalità eritrea che, stando ai racconti di molti testimoni e familiari, sarebbero partite sempre dalla Libia lo scorso 27 giugno e mai arrivate a destinazione né soccorse in alto mare.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS