Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

C'è spazio anche per Vittorio Sgarbi, nella preparazione dell'Expo Milano 2015. A chiamarlo, a sorpresa, è stato il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, che lo ha nominato "ambasciatore" della Regione per le belle arti.

Sarà lui, ex sottosegretario e critico d'arte esuberante che già ha parlato del rischio di un "Expo degli ignoranti", a stabilire un piano per far conoscere i tesori di Milano ai venti milioni di visitatori previsti. Anche perché "nessuno ha la percezione - ha sostenuto Sgarbi - che sia una città del livello di Firenze o di Roma o di Venezia. Invece lo è".

In realtà l'ambizione più grande del tandem Maroni-Sgarbi è di portare a Milano, nei sei mesi di Expo, qualcosa che viene da "fuori" ma che è un simbolo universale, i Bronzi di Riace: il governatore ha assicurato che ne parlerà mercoledì col ministro italiano di beni culturali e turismo, Dario Franceschini.

In cambio dei Bronzi, ha già ipotizzato Sgarbi, si potrebbero dare a Reggio Calabria due Caravaggio del fondo gestito dal ministero dell'Interno. E che non gli si dica che le due statue sono fragili, perché a suo parere sono solo "ostaggio della 'ndrangheta", ossia di quelle istituzioni locali che non vogliono separarsene.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS