Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Regione Lombardia chiede al governo italiano che "le province lombarde siano escluse dal nuovo piano di redistribuzione degli immigrati", che prevedrebbe l'arrivo di 70 migranti in ogni provincia italiana.

La richiesta è contenuta in una nota in cui l'assessore lombardo alla sicurezza Simona Bordonali afferma che il territorio regionale "è saturo" e "ospita già 14'223 richiedenti asilo sui 105'000 presenti a livello nazionale e il territorio più colpito è quello di Milano con 3078 presenze".

"Il governo italiano dimostra ancora una volta un'incapacità agghiacciante nel gestire il problema dell'immigrazione", ha affermato Bordonali, che nella nota ha accusato l'esecutivo nazionale di aver "predisposto un piano di redistribuzione di altre migliaia di aspiranti profughi, ma non dice quali siano le destinazioni per evitare contraccolpi alle elezioni amministrative del 5 giugno. Ecco chi specula davvero sugli immigrati", ha concluso l'assessore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS