Navigation

Italia: Questura Trieste, aggressore ha sottratto 2 pistole

La scientifica sta effettuando i rilievi all'esterno della Questura di Trieste KEYSTONE/EPA ANSA/ANDREA LASORTE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2019 - 08:11
(Keystone-ATS)

Il 29enne dominicano che ha sparato all'interno della questura di Trieste, ha sottratto le pistole ad entrambi i poliziotti che poi ha ucciso e non solo al primo agente che lo aveva accompagnato in bagno.

Lo si è appreso ieri sera da fonti qualificate della Polizia che stanno ricostruendo la dinamica di quanto accaduto anche se, sottolineano, non ci sono né testimoni, né riprese delle telecamere del primo conflitto a fuoco.

Quello che è certo è che l'uomo - che come il fratello non aveva precedenti e non era segnalato come soggetto pericoloso - chiede di poter andare in bagno e ad un certo punto riesce a sottrarre la pistola all'agente che lo accompagna. Come abbia fatto sarà difficile ricostruirlo: alla scena non hanno assistito testimoni e la zona non è coperta da telecamere.

Dopo aver sparato al primo poliziotto, il 29enne si incammina verso l'uscita e trova sulla sua strada il secondo agente. L'uomo spara ancora e quando il poliziotto cade in terra gli prende la pistola, strappandogli la fondina. A quel punto si avvicina l'uscita e ha un terzo conflitto a fuoco, con l'agente al corpo di guardia, che lo ferisce. L'aggressore, dicono ancora le fonti, riesce comunque ad uscire dall'edificio e qui viene bloccato dagli uomini della squadra mobile.

Dalla ricostruzione che sta emergendo sembra inoltre che il fratello non abbia avuto alcun ruolo nella sparatoria e, anzi, per paura si sia rifugiato nei sotterranei appena si è cominciato a sparare.

Nel frattempo ieri sera sono proseguite all'esterno della Questura di Trieste i rilievi della polizia scientifica, che opera con torce e altri strumenti per raccogliere prove utili all'indagine, lungo il marciapiede e la strada adiacente all'edificio. Diversi gli agenti presenti, così come i militari dei carabinieri.

Attorno a mezzanotte le salme sono state fatte uscire dall'ingresso principale mentre tanti colleghi in divisa e agenti della scientifica in silenzio hanno fatto da cordone. Una volante della polizia ha scortato il mezzo delle onoranze funebri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.