Navigation

Italia: Quirinale, Napolitano rieletto Capo dello stato

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2013 - 18:45
(Keystone-ATS)

Giorgio Napolitano, l'attuale presidente della Repubblica italiana, è stato rieletto oggi alla carica di Capo dello Stato. Napolitano ha accettato di ripresentarsi per un nuovo mandato dopo che i primi cinque scrutinii non hanno dato esito positivo.

Napolitano era sostenuto dal Partito democratico, dal Popolo della Libertà, da Scelta civica e dalla Lega. Il Movimento cinque stelle di Beppe Grillo ha invece ribadito il suo sostegno a Stefano Rodotà.

Napolitano è il primo presidente della Repubblica in carica ad essere rieletto al Quirinale. Alla scadenza di ogni settennato, l'idea di lasciare sul Colle più alto l'inquilino di turno si è sempre manifestata, ma il 'bis' al Quirinale fino ad ora non era riuscito mai a nessuno. La Costituzione non impedisce la rielezione del presidente della Repubblica.

Grillo ha criticato la scelta di Napolitano, parlando sul suo blog di "colpo di Stato". Il comico genovese ha invitato i suoi sostenitori a Roma per una manifestazione di protesta.

"Il M5S da solo non può però cambiare il Paese. È necessaria una mobilitazione popolare. Sarò davanti a Montecitorio stasera. Rimarrò per tutto il tempo necessario. Dobbiamo essere milioni. Non lasciatemi solo o con quattro gatti. Di più non posso fare. Qui o si fa la democrazia o si muore come Paese", ha scritto Grillo sul suo blog.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo