Navigation

Italia: riapre Autrobrennero, 2 morti e 3 dispersi

Grandinata a nord di Bergamo KEYSTONE/EPA/FILIPPO VENEZIA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2020 - 19:40
(Keystone-ATS)

È cessato l'allarme per la piena del fiume Adige: è stata così riaperta l'autostrada del Brennero tra San Michele e Bolzano e ad Egna le 400 persone evacuate sono potute rientrare nelle proprie abitazioni.

Ed anche la circolazione ferroviaria in Trentino sta gradualmente tornando alla normalità. Dopo la notte di paura anche Verona tira un sospiro di sollievo per l'anomala ondata di piena estiva del fiume, immortalata da un centinaio di persone assiepate fino a tardi lungo gli argini dell'Adige. Il triste bilancio dell'ondata di maltempo che ha flagellato il nord segna due morti in un incidente stradale e tre dispersi.

Le vittime sono due turisti tedeschi, i quali dopo la chiusura dell'autostrada del Brennero hanno proceduto di notte sul percorso alternativo sulla statale del Brennero e si sono scontrati con due camion. A morire sono stati un uomo di 45 anni ed una donna di 67. A bordo dell'auto c'erano un altro uomo ed un bambino di 7 anni rimasti feriti e ricoverati all'ospedale di Bolzano. Illesi i camionisti.

Quanto ai dispersi nel comune di Maccagno, sul Lago Maggiore, proseguono le ricerche del 38enne trascinato sabato nel torrente Molinera, dove oggi sono stati ritrovati alcuni suoi indumenti. Altri due dispersi vengono segnalati dai vigili del fuoco nel fiume Adige: si sarebbero buttati volontariamente in due zone diverse di Verona. Un vigile del fuoco ha rischiato la vita per salvarne uno ed è stato trascinato dalla corrente a circa 16 chilometri dal luogo dell'intervento. Il terzo disperso sarebbe sparito nell'Adige all'altezza di Ponte San Pancrazio.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.