Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CASSINO (FROSINONE) - Picchiato, seviziato e sciolto nell'acido dal suo datore di lavoro per aver rubato qualche litro di carburante da un camion. Una sorte orribile quella toccata ad Ivan Misu, un rumeno di quarantadue anni. A finire in carcere, ieri mattina, è stato Vincenzo Nappi, imprenditore cinquantenne di Pago Valle del Lauro e titolare di un parcheggio e lavaggio tir a Piedimonte San Germano nel Frusinate.
L'uomo, unitamente ad un suo complice, Fortunato Cusano di Santa Maria Capua Vetere attualmente latitante, deve rispondere di omicidio volontario con l'aggravante della crudeltà ed occultamento di cadavere. A firmare l'ordinanza di custodia cautelare in carcere è stato il Gip del tribunale di Cassino, Francesco Mancini. L'omicidio dello straniero sarebbe avvenuto nella notte tra l'11 ed il 12 maggio del 2007.

SDA-ATS