Navigation

Italia: sciopero TIR dilaga in tutto il Paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2012 - 13:53
(Keystone-ATS)

Si è estesa a tutta Italia la protesta degli autotrasportatori che era cominciata in Sicilia con il "Movimento dei forconi" e contro gli aumenti del gasolio, dei pedaggi autostradali e dell'Irpef.

Scattato alla mezzanotte, lo sciopero dei Tir che andrà avanti sino a venerdì, sta provocando disagi su molti tratti della rete autostradale, anche con la chiusura di caselli e sulle tangenziali che attraversano le città.

L'adesione è "superiore a qualsiasi aspettativa", fa sapere il movimento Trasportounito, secondo cui proprio questo è un segnale della "gravità. della crisi.

La protesta è seguita "con molta attenzione" dal governo "perché nulla esclude che questi malesseri possano sfociare in manifestazioni di tipo diverso", ha assicurato la ministra dell'Interno Annamaria Cancellieri, che domani riferirà al Senato sulle conseguenze del blocco degli autotrasportatori in Sicilia, e che comunque ha già avvertito: "Non saranno tollerati blocchi stradali; fin dove si può useremo tolleranze e dialogo, però bisogna anche tenere presenti i diritti dei cittadini".

Se gli incolonnamenti sulle autostrade si registrano in tutta Italia, in alcune regioni le proteste hanno portato anche alla chiusura dei caselli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?