Navigation

Italia: scoperti 350 kg di marijuana, valore di 3 milioni di euro

Un capannone in disuso nella piana di Gioia Tauro come essiccatoio per 7000 piante di marijuana. Un quantitativo di almeno 350 kg, di un valore al dettaglio di oltre 3 milioni di euro. (foto rappresentativa). KEYSTONE/EPA/FINANCIAL POLICE PRESS OFFICE / HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 agosto 2020 - 14:16
(Keystone-ATS)

Un grande capannone industriale in disuso nella piana di Gioia Tauro utilizzato come un enorme essiccatoio di marijuana. Vi sono state trovate circa 7000 piante per un quantitativo di stupefacente di almeno 350 kg, di un valore al dettaglio di oltre 3 milioni di euro.

Lo hanno scoperto nella piana di Gioia Tauro i Carabinieri della Compagnia di Taurianova insieme ai 'Cacciatori' dello Squadrone eliportato di Vibo Valentia.

Nel corso di un rastrellamento in un'area rurale di Contrada Torre Lo Schiavo, i carabinieri delle Stazioni di Taurianova e Cittanova e dei Cacciatori, hanno percepito un forte odore di marijuana proveniente da un vecchio frantoio abbandonato in un'area impervia a Taurianova. Una volta entrati, i militari hanno scoperto un vero proprio essiccatoio "industriale", con centinaia di fili di spago attaccati a delle intelaiature in ferro poste sulle pareti, a creare una distesa di piante sospese e distanziate tra loro, per consentirne l'ottimale essicazione. Presenti anche dei grandi ventilatori alimentati da un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica.

Nella struttura sono state trovate circa 7000 piante di altezza variabile tra mezzo metro e 1 metro, per un quantitativo stimato in oltre 350 kg di sostanza stupefacente che, una volta venduta al dettaglio, avrebbe fruttato alla criminalità oltre 3 milioni di euro. Le piante, secondo gli investigatori, potrebbero essere state trasportate da alcune piantagioni già estirpate e fatte crescere nella Piana di Gioia Tauro.

I carabinieri di Taurianova svolgeranno adesso tutti gli accertamenti necessari per individuare i realizzatori della piantagione industriale.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.