Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La prima sezione della Corte di Appello di Bari ha dichiarato prescritto il reato di associazione mafiosa contestato a Gerardo Cuomo.

Il broker internazionale titolare di una licenza per l'importazione di sigarette, era accusato di aver introdotto in Puglia dal Montenegro mille tonnellate al mese di tabacchi, riciclando denaro in Svizzera. I fatti contestati dalla Divisione distrettuale antimafia di Bari si riferiscono alla fine degli anni Novanta.

Per questa vicenda Cuomo ha subito sei gradi di giudizio. Condannato nel 2004, in primo grado, dal giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Bari a sette anni e quattro mesi per associazione mafiosa, al termine di un processo celebrato con rito abbreviato, è stato poi assolto due volte dai giudici del secondo grado (nel febbraio 2008 e nel gennaio 2011).

In altrettanti processi in Cassazione si è visto annullare con rinvio quelle sentenze. Oggi, nel terzo processo d'Appello, i giudici hanno dichiarato la prescrizione. La difesa, rappresentata dagli avvocati Andrea Melpignano e Clemente Biondi, aspetterà il deposito delle motivazioni per valutare se impugnare la sentenza e ottenere l'assoluzione nel merito.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS