Navigation

Italia: spread e rendimento Btp continuano a polverizzare record

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2011 - 12:10
(Keystone-ATS)

Sembrano nulli gli effetti dell'intervento della Banca Centrale Europea sui titoli di stato italiani. Lo spread (differenziale di rendimento) tra il Btp decennale e l'analogo Bund tedesco sta polverizzando record su record: è ora a 563 punti, mentre il rendimento è salito al 7,35%.

In netto rialzo anche il differenziale tra i titoli tedeschi e quelli spagnoli, che sfonda quota 400 punti (402). Lo spread Germania-Francia sale da parte sua al nuovo record di 140 punti.

Il rendimento dei Btp decennali italiani aveva oltrepassato il 6% lo scorso 28 ottobre. Il 7% rappresenta una soglia importante: superato questo livello paesi come Grecia, Irlanda e Portogallo erano stati costretti a chiedere aiuto alla comunità internazionale per evitare la bancarotta. La pressione sui Btp è peraltro altissima anche sui valori a breve e medio termine.

La borsa di Milano - dopo un avvio in rialzo sull'onda dell'annuncio delle prossime dimissioni di Silvio Berlusconi - è in forte calo, con il Ftse Mib in flessione di oltre il 4% e ormai sotto i 15'000 punti. Diversi titoli di banche sono stati sospesi.

Il crollo di Piazza affari ha innescato un movimento al ribasso di tutte le piazze europee, compresa Zurigo, che contiene comunque le perdite all'1%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?