Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quattro metri sotto la Milano di tutti i giorni ce n'è una nascosta, antichissima: è il sepolcreto del Policlinico Ospedale Maggiore, dove si trovano più di 500 mila corpi dei milanesi che sono vissuti tra il 1473 e il 1695, comprese le vittime della peste raccontate nei Promessi Sposi. Una scoperta dal valore inestimabile: la cripta è stata aperta solo da poche settimane, ed è stata presentata oggi come l'unico esempio italiano di una necropoli cittadina.

La storia del Policlinico inizia nel 1456, ben 555 anni fa, ed è stata meticolosamente registrata dai suoi medici fin dall'inizio. Quasi da subito, infatti, è stata tenuta traccia dei nomi, dell'età, delle cause di morte e di malattia, e della provenienza di ogni paziente.

Dai registri si scoprono dettagli straordinari: ad esempio, che tra il 1474 e il 1483 a Milano c'era un medico ogni circa 1.500 cittadini; o che nell'ottobre 1629 in città arrivava la peste, e che il primo ad essere contagiato (Pietro Antonio Lovato, o Pietro Paolo Locati: l'identità non è ancora certa) fu un soldato ricoverato proprio al Policlinico e poi sepolto nella necropoli, che si trova alcuni metri sotto la Chiesa dell'Annunciata dell'Ospedale Maggiore.

"Quello che ora faremo - spiega Cristina Cattaneo, direttore del Laboratorio di antropologia forense di Milano (Labanof), l'esperta che di recente si è occupata del caso di Yara - sarà studiare i resti per capire di che malattie queste persone soffrivano, o quali carenze nutrizionali avevano.

I primi risultati scientifici saranno presentati il 22 giugno, ma già qualcosa di interessante si è scoperto: in quasi un caso su tre, i decessi registrati al Policlinico fino al 1695 pare siano stati per vecchiaia. Nonostante la peste e le altre malattie, insomma, forse già allora non si stava poi così male.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS