Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Guardia di finanza di Varese ha arrestato sette persone accusate di traffico internazionale e spaccio di cocaina, mentre altre due sono ancora ricercate. L'organizzazione aveva base operativa nelle province di Milano e Varese e importava la droga principalmente dall'aeroporto varesino di Malpensa. Capo dell'organizzazione era un cittadino domenicano che, attraverso la compagna residente in Svizzera e due soggetti incaricati delle consegne di droga in Italia, conduceva le trattative per l'acquisto della cocaina da un narcotrafficante domenicano.

A partire dall'arresto di un corriere di droga effettuato all'aeroporto di Malpensa, trovato in possesso di nove chilogrammi di cocaina nascosti nel doppiofondo di due valigie, le indagini hanno portato alla luce una rete dello spaccio nelle province di Varese e Milano. In manette sono finiti altri quattro corrieri a Malpensa e a Roma Fiumicino e un uomo che si è presentato per ritirare la droga all'ufficio milanese di una compagnia di spedizioni.

Nel corso delle indagini sono state arrestate dieci persone, sequestrati oltre 42 chilogrammi di cocaina, un'auto, 25 telefoni cellulari, 26 schede telefoniche, denaro contante per telefoniche, valuta contante per 8.700 euro e sono state individuate transazioni finanziarie verso l'estero per diverse decine di migliaia di euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS