Navigation

Italia: Tremonti, dieci anni che sento menata Italia in declino

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2011 - 13:18
(Keystone-ATS)

"Sono dieci anni che sento questa menata di un paese in declino, qualcuno deve iniziare a fare discorsi intellettualmente meno disonesti". È quanto ha detto il ministro dell'economia italiano, Giulio Tremonti, intervenendo al Salone del Risparmio di Milano.

"Come Nord siamo tra le regioni - ha poi aggiunto il ministro - più ricche d'Europa e, quindi, del mondo". Tremonti ha poi passato in rassegna gli altri stati europei e ha sottolineato come "la Germania va bene e per noi è una fortuna" ma "il resto d'Europa non è così diverso da noi".

"Se guardiamo all'Inghilterra - ha precisato - che cresce dell'1,3% con un deficit del 10%, tutti sono capaci di fare un +1,3% con un deficit al 10%. La Francia cresce dell'1,5% e ha un deficit vicino all'8% e l'Italia si dice che nel suo insieme deve fare molto di più con una crescita dell'1,2-1,3% con un deficit che credevo fosse al 5% ma leggendo i giornali è al 4,5-4,6%: non è tantissimo ma non è diverso dagli altri".

Il problema dell'Italia - ha spiegato il ministro - è che è l'unico paese duale dell'Europa, da una parte c'è molto e dall'altra c'e troppo poco: bisogna fare dove c'è poco".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?